9 Luglio 2020

COVID-19 e virtual showroom: come la moda ha reagito alla pandemia

La pandemia da Covid-19 ha costretto l’industria del design ad un riassestamento di agende, filiera produttiva e progetti.

La cancellazione di fashion show, fiere e manifestazioni, ha di fatto ibernato la grande macchina delle novità dell’anno. Ma il lockdown è stato anche occasione costruttiva di affrontare la sfida del digitale.

Un’accelerata davvero di rilevanza, è avvenuta al settore della moda più precisamente nel campo dei social network, delle piattaforme di videocall, dei siti web, degli eventi live in streaming e dei video. Di fatto, la forma di comunicazione di un nuovo prodotto è cambiata, da lineare (foto di prodotto, comunicazione vie email o evento, pubblicazione giornalistica), ha subito una metamorfosi tentacolare che porta a considerare la narrazione digitale un vettore determinante per parlare non solo di nuovi prodotti, ma anche di storia e heritage aziendale, di marketing B2B, di e-commerce, di opening virtuali di nuovi showroom.

Una conversione forzata e necessaria, in un momento in cui era impossibile la prossimità fisica, che però ha generato un valore aggiunto. Attraverso i Virtual Showroom, la moda è riuscita a rialzarsi riuscendo a generare, nonostante il forte periodo di difficoltà, dimostrazioni e vendite di prodotti al servizio di buyer e imprese, un fenomeno esploso per ovviare alle limitazioni del Coronavirus che oggi è destinato a imporsi con forza nel panorama delle vendite online. Recenti ricerche di settore, illustrano come un’immagine coordinata fra B2C, B2B e esperienza in store migliori le performance di vendita di un brand.

Lo spostamento della nostra vita quotidiana sull’online ha portato sempre più persone a confrontarsi con il mondo digitale. È proprio in questo senso che hanno assunto sempre più valore servizi di custumer care capaci di mixare l’efficienza della tecnologia con il calore dell’esperienza umana.

Brochesia per far fronte a questo repentino cambiamento, ha sviluppato la soluzione software ideale per la gestione di tali esigenze.

B Fashion è la soluzione software ideale da poter utilizzare attraverso dispositivi indossabili quali Smart Glasses oppure con Smartphone e Tablet Android.  La soluzione è stata ideata per il settore della moda, al fine di permettere di comunicare con i propri clienti attraverso sessioni private dimostrative dei campionari oppure per far seguire fitting e se necessario facilitare la gestione di possibili acquisti dei prodotti.

La soluzione software B Fashion permette così la comunicazione tra il rappresentante dello Showroom e il cliente da remoto, con la condivisione dell’ambiente della showroom o del negozio e con l’ausilio dell’impiego della Realtà Aumentata (AR). B Fashion, attraverso l’utilizzo di dispositivi indossabili, lascia al venditore o commessa/o che si trova in negozio o nella show room, la possibilità di mostrare i capi / prodotti facendo uso di entrambe le mani. Inoltre la documentazione audio/video delle singole sessioni effettuate di Virtual Showroom, possono essere a sua volta registrate dal rappresentante dello store e condivise in un secondo momento.

Condividi con

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Scegli il tuo Smart Glasses

Rimani aggiornato sulle novità Brochesia

* Campi obbligatori